immagine di un lucchetto, simbolo tipico della sicurezzaIn un’installazione di WordPress gli elementi legati al fattore sicurezza sono molteplici, e nel sedicesimo capitolo del mio libro li ho affrontati a trecentosessanta gradi soffermandomi su ognuno e fornendo tutte le indicazioni per procedere a una vera e propria ‘blindatura’ del sito o blog.

Comporre una password efficace, ovvero abbastanza lunga e composta da lettere, numeri e simboli, non è immediato come quando si decide, invece, di utilizzare un nome o una data di nascita, oppure una frase facile da ricordare (sistemi che invece riducono di molto la sicurezza in quanto più facilmente scoperti dai cracker).

Non a caso i siti che permettono di generare password sicure sono abbastanza diffusi, e fra quelli che offrono gratuitamente questo servizio (sì, c’è chi si fa pagare per questo!) voglio segnalare Perfect Passwords di Steve Gibson, uno dei più popolari in assoluto: per ottenere una password sicura vi basta collegarvi al sito, perché ogni volta che la sua home page viene caricata genera tre password rispettivamente composte da 64 valori esadecimali, 63 caratteri ASCII stampabili e 63 caratteri alfanumerici, tutti rigorosamente casuali. Vi basterà quindi copiare e incollare la password nel campo che WordPress vi presenta in fase di installazione o di creazione di un nuovo utente e il gioco è fatto.

Non dimenticate, ovviamente, di conservarla in un luogo sicuro ma per voi facilmente accessibile (di programmi per la gestione delle password parlerò successivamente, a proposito).